CittĂ  del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Pal. lat. 1111

Manoscritto composito: sezione 1-2 di 2


Data: sec. XIII fine-inizi succ.


Fogli: 88


Materia: membranaceo


Copista: littera textualis di più mani di area italiana; i ff. 73-88 sono scritti da mani del sec. XIV prima metà, che concludono l'opera di Averroè e trascrivono i testi galenici e di Avicenna; annotazioni marginali di più mani del XIV sec.


Decorazione: iniziali maggiori rifesse; iniziali minori filigranate alternativamente in rosso e blu; segni di paragrafo alternativamente in rosso e blu; rubriche.


Origine: il manoscritto è composito di due sezioni che dovettero essere unite ab antiquo; la sezione II (ff. 73-88), di poco posteriore, completa l'opera di Averroè mutila alla fine e presenta le traduzioni di Niccolò da Reggio. Il manoscritto appartenne alla biblioteca Palatina di Heidelberg, pervenendo nel 1623 alla Biblioteca Vaticana come dono di Massimiliano I, duca di Baviera, al pontefice Gregorio XV.


Possessori: Biblioteca Palatina di Heidelberg


Contenuto: 2 opere di Galeno; Averroè, Colliget, e Avicenna, De viribus cordis.


Traduzioni [mostra/nascondi dettagli]

Links

https://digi.vatlib.it/view/MSS_Pal.lat.1111

Bibliografia


Controllo diretto: Marchiaro (2012)


Controllo su riproduzione: Durling


Autore della scheda: Marchiaro (2012)