De dinamidiis (2)

Inc. testo: Libellum quem roganti tibi promisi omni cura adhibita descriptum misi


Expl. testo: et pulverem cum aqua tepida tribue et sine dubio liberabitur


Fonte: 1541-42 Venezia, Giunta (ed. completa)


Note
Nella seconda edizione di Galeno, curata da Girolamo Suriano e stampata a Venezia nel 1502, tra le opere pubblicate per la prima volta c'è il De dinamidiis (2) che nell'explicit è detto di Galeno, mentre nell'incipit è presentato come Galieni medicorum principi attributus (vol. 2, cc. ddd1v-eee6r).
Nella quarta edizione di Galeno, curata da Antonio Rustico e stampata a Pavia nel 1515-16, quest'opera segue il De dinamidiis (1) ed è presentata come Liber alius magnus de dinamidiis Galeno ascriptus (vol. 2, cc. 272v-282v); nell'edizione seicentesca di René Chartier diventa tout court il libro II del De dinamidiis (vol. 10, pp. 670-702), di cui il De dinamidiis (1) sarebbe un frammento del libro I (vol. 10, p. 669).
Come ha segnalato Fischer 2013, 686-687, la prima parte del De dinamidiis (2) corrisponde all'epistola Ad Maecenatem attribuita in genere ad Ippocrate e contenuta in numerosi mss., a partire dal IX sec. (= ed. 1502, vol 2, cc. ddd1v-2v); cf. Kibre 1985, 150-152: inc.: Libellum quem roganti tibi promisi; expl. nec medicinis indigebis.
Niccolò da Reggio, il grande traduttore di Galeno della prima metà del XIV sec., non ha quindi niente a che fare con il testo dell'epistola Ad Maecenatem, sebbene il Vat. lat. 2378, che lo conserva, lo presenti come traduzione di Niccolò da Reggio del De dinamidiis di Galeno; cf. i dubbi già avanzati da Thorndike 1946.
La tradizione manoscritta del De dinamidiis (2) non è stata ancora indagata completamente, ma Fischer 2013, 708 (n. 42), a partire dall'edizione di Chartier, dove il testo è diviso in 45 capitoli, afferma che il ms. di Cologny-Genève, Bodmer 58, ha un testo simile a quello stampato da Chartier, almeno fino all'inizio del cap. 45 (vol. 10, p. 701bB: et pone in stomacho et in fronte statim stringit), e probabilmente anche il Pal. lat. 1904.
Oltre alla coincidenza dei capp. 1-3 con l'epistola Ad Maecenatem, Fischer 2013 segnala la presenza nel De dinamidiis (2) dell'epistola pseudo-ippocratica Ad Antiochum (capp. 8 e 9), di Aezio e del De pulsu et urinis tramandato anche sotto il nome di Alessandro.
Sulle fonti di quest'opera cf. anche Fischer 2014.


Manoscritti [mostra/nascondi dettagli]

Admont, Stiftsbibliothek, 601, sec. XIV prima metà, ff. 41r-65r
  • Formula fine: Explicit liber Galieni di dinamidiis
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi 
  • Expl.: mittat in vulva 3. ii. de ea si sumatur caret
  • Note

    Il ms. Paris, BnF, lat. 15113 presenta lo stesso explicit.

Cambridge, Peterhouse, 33, sec. XIII fine-inizi succ., ff. 192r-207v
  • Formula inizio: Liber dinamidiarum Galeni ad Mecenatem de regenda sanitate
  • Formula fine: -
  • Inc.: Libellum quem rogasti tibi promisi
Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Pal. lat. 1094, sec. XIV seconda metà, ff. 606rA-631vB
  • Formula inizio: Incipit liber dinamidiorum Galieni ad Mecenatem
  • Formula fine: Explicit liber dinamidiorum ad Mecenatem
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi promisi cum omni cura
  • Expl.: et ypostasin albam in fundo et crassas et lucidas
Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. lat. 2378, sec. XIV seconda metà, f. 227rAvB
  • Formula inizio: Incipit liber Galieni de dinamidiis translatus a Nicholao de Regio de Calabria de greco in latinum
  • Formula fine: Explicit liber de dinamidiis Galieni transmissus imperatori Cesari. Amen, amen, amen
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi promisi omni cura
  • Expl.: per omne etatis tue tempus nec medicis egebis
  • Note
    Questo ms. contiene il testo che coincide con l'epistola Ad Maecenatem e lo presenta come traduzione di Niccolò da Reggio (XIV sec.) del De dinamidiis di Galeno.
Cologny-Genève, Biblioteca Bodmeriana, Bodmer 58, sec. XIV, ff. 225rA-263vA
  • Formula inizio: Incipit liber dinamidiarum Galieni ad Victoriam [sic] de regenda sanitate
  • Formula fine: Explicit liber dinamidii
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi promisi
  • Expl.: teneat ut humores foras decurrant
Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashburnham 1448, 03/02/1434, ff. 57r-87r
  • Formula inizio: Liber dinamidiarum Galieni a Nicolao translatus. Ad Alopiciam
  • Formula fine: Explicit opus compilatum a magistro Nicolao qui composuit antidotarium in quo preclara medicamina ponuntur. Deo gratias. Amen. Idest opus Galieni translatum a Nicolao
  • Inc.: Medicamen simplex antimonio usto et cum
  • Expl.: lapides frangit et stranguriam removet
  • Note
    Questo ms. non sembra contenere l'opera pseudo-galenica De dinamidiis (2).
Paris, Bibliothèque de l'Académie de Médecine, 53, sec. XV metà, ff. 193r-263r
  • Formula inizio: -
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi promisi cum omni cura
  • Note
    L'opera è contenuta ai ff. 193r-263r, ma ai ff. 259r-263r c'è l'indice dei capitoli, come segnala Nicoletta Palmieri che ha visto il ms. (luglio 2015).
Paris, Bibliothèque Nationale de France, Par. lat. 15113, sec. XIV prima metà, ff. 12rA-50rA
  • Formula inizio: Incipit liber dinamidiorum Galieni quem fecit Mecenati simplicium medicaminum
  • Formula fine: Explicit liber dinamidiorum
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi promisi
  • Expl.: de ea si sumatur caret
  • Note

    Il ms. Admont, Stiftsbibliothek, 601 presenta lo stesso explicit.

Paris, Bibliothèque nationale de France, Par. lat. 15456, sec. XIII fine, ff. 163vB-186rA
  • Formula inizio: Incipit liber dinamidiarum Galieni ad Mecenatem de regenda sanitate
  • Formula fine: Explicit liber Galieni de dinamidiis
  • Inc.: Libellum quem roganti tibi 
  • Expl.: a deo veniet qui solus est magister

Saggi