De sectis tradotto da Burgundio da Pisa: De heresibus hiis qui introducuntur

Traduzione dal greco di Burgundio da Pisa


Traduzione incompleta: si interrompe a I 93, 8 K = I p. 22 H


Data: 1184-1185


Lettera di Burgundio da Pisa a Enrico VI, imperatore e re di Sicilia


Inc. testo: Medicinalis artis intentio quidem est sanitas, finis autem possessio eius


Expl. testo: Extimo addicere ego et supponere tue hereseos demonstrabo carnosam existentem


Fonte: Montpellier, Bibliothèque interuniversitaire, Faculté de Médecine, 18


Note
Nel 1184-85 Burgundio tradusse il De sectis sul Laur. plut. 75, 4, uno dei mss. greci vergati da Ioannikios a Costantinopoli nella prima metà del XII sec. e appartenuti allo stesso Burgundio.
Alcuni dei testi contenuti nel Laur. plut. 75, 4 hanno note latine di Burgundio, ma non il De sectis.
Non sembra invece che Burgundio abbia utilizzato la precedente traduzione latina del De sectis della tarda antichità; cf. Palmieri 2013. La traduzione di Burgundio si interrompe bruscamente a I 93, 8 K = I p. 22 H, forse per una perdita meccanica dei fogli finali; a Pietro d'Abano si deve il successivo completamento, su cui cf. la scheda specifica.
Le informazioni sui mss. della traduzione di Burgundio qui contenute sono state riviste da Nicoletta Palmieri (marzo 2013).


Manoscritti [mostra/nascondi dettagli]

Cesena, Biblioteca Malatestiana, D.XXV.1, sec. XIII fine, ff. 7rB-9vB
  • Traduzione anonima
  • Traduzione completa
  • Formula inizio: Liber de sectis Galieni
  • Formula fine: Explicit de sectis Galieni principis medicorum secundum grecam translationem. Deo gratias. Amen. Amen
  • Inc.: Medicinalis artis intentio quidem est sanitas
  • Expl.: ego et super positionem tue heressionis demonstrabo carnosa existentem
Cesena, Biblioteca Malatestiana, D.XXV.2, sec. XIII fine, ff. 238rB-241vB
  • Traduzione attribuita a Burgundio da Pisa
  • Traduzione completa
  • Formula inizio: Galieni de heresibus hiis qui introducuntur liber incipit de greco in latinum domino Henrico regi a Burgundione iudice cive Pisano anno incarnationis M°C°LXXXV fideliter translatus
  • Formula fine: Explicit quod habemus de translatione ista
  • Inc.: Medicinalis artis intentio quidem sanitas
  • Expl.: demonstrabo carnosam existentem
Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Pal. lat. 1094, sec. XIV seconda metà, ff. 544rA-547rB
  • Traduzione anonima
  • Traduzione completa
  • Formula inizio: Incipit liber Galieni de sectis secundum grecam translationem
  • Formula fine: Explicit liber de sectis Galieni secundum grecam translationem
  • Inc.: Medicinalis artis intentio quidem est sanitas
  • Expl.: demonstrabo carnosam existentem
Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. lat. 2389, sec. XIII fine-inizi succ., ff. 1rA-3rA
  • Traduzione anonima
  • Traduzione completa
  • Formula inizio: Incipit liber de sectis sive de heresibus Galieni
  • Formula fine: Explicit quod habemus de translatione ista [?]
  • Inc.: Medicinalis artis intencio quidem sanitas finis
  • Expl.: hereseos demonstrabo carnosam existentem
Paris, Bibliothèque de l'Académie de Médecine, 51, sec. XV metà, ff. 2r-11r
  • Traduzione attribuita a Burgundio da Pisa
  • Traduzione completa
  • Formula inizio: Libri Galieni de heresibus seu sectis introductis in medicina, translatus [sic] de greco in latinum a Burgundione judice Pisano domino Henrico regi anno Domini millesimo centesimo octuagesimo quinto. Sunt capitula XIIII
  • Formula fine: Explicit quod habemus de translatione ista
  • Inc.: Medicinalis artis intentio quidem est sanitas
  • Expl.: supponere tue hereseos demonstrationem cavillosam existentem
Paris, Bibliothèque nationale de France, Par. lat. 6865, 1345-1353, ff. 81rB-91vA
  • Traduzione attribuita a Burgundio da Pisa
  • Traduzione completa
  • Formula inizio: Liber de heresibus medicorum vel de sectis medicorum et translatio greca est Burgundionis et commentum Alexandri
  • Inc.: Medicinalis quidem artis intentio sanitas est
  • Expl.: suppositionem tue hereseos demonstrabo carnosam existentem
  • Note

    Negli stessi fogli del ms. sono presenti tre testi che si susseguono a brani alterni: il commento dello Ps.-Giovanni, la traduzione di Burgundio indicata come textus grecus, la traduzione anonima della tarda antichità indicata come textus arabicus. Entrambe le traduzioni sono tuttavia dal greco.

Saggi